Saint Louis crystal vibrations

Ineguagliabile, denso, chiaro, sonoro e luminoso, nato da una palla di fuoco e dal respiro dell’uomo, il cristallo di Saint-Louis vibra con l’immenso talento ereditato dalla storia e la straordinaria fantasia creativa ispirata alle tendenze attuali. Nel 1767, Luigi XV permise la costruzione di una manifattura di oggetti in vetro sul luogo della precedente vetreria di Müntzthal del XVI secolo. La maestà conferì il titolo della Real Glassware di Saint-Louis ad essa. Quindici anni dopo, con lo sviluppo della formula di fabbricazione del cristallo, la manifattura divenne la Royal Cristallerie di Saint-Louis. Da allora,
Saint-Louis firma ogni giorno creazioni in cristallo – articoli per la tavola, vasi, candelabri e articoli per l’illuminazione – realizzati da maestri vetrai e tagliatori considerati tra i migliori in Francia (“Meilleurs Ouvriers de France”).

Tutti posseggono una conoscenza insostituibile e abilità ancestrali che si sono arricchite di generazione in generazione: il cristallo è soffiato a bocca, tagliato a mano, inciso a mano e decorato a mano usando oro 24 carati o platino. Usando queste abilità, hanno fatto di Saint-Louis il maestro dei colori e dei tagli. E una molteplicità di ritagli dall’emblematico diamante, agli smussi con perle, olive, fili di stelle e corde, il marchio offre una grande varietà di stili e creazioni eccezionali.
Saint Louis è davvero una manifattura del suo tempo, un mix di tradizione e innovazione che non smette mai di trarre ispirazione dalle tendenze artistiche contemporanee.
Nell’ondata di creatività che ha travolto gli inizi del XX ° secolo, tra Art Nouveau e Art Deco, designer esterni hanno portato il loro talento a Saint-Louis, artisti come Paul Nicolas, Jean Sala, Jean Luce, Michel Colle e Maurice Dufrêne, solo per citarne alcuni.

Oggi Saint-Louis continua a invocare l’immaginazione e le abilità dei designer che aprono la strada al cristallo e le stoviglie, gli oggetti decorativi e le collezioni di luci sono arricchite dalle creazioni di Eric Gizard, Hervé van der Straeten, Ionna Vautrin, José Lévy , Kiki van Eijk, Noé Duchaufour-Lawrance, Paola Navone. Sono oggetti la cui bellezza esalta i momenti di piacere e convivialità.

Condividi questa pagina con: